Proposta di legge regionale n. 303 presentata il 17 ottobre 2012
Celebrazione della storica presenza e attività del corpo dei vigili del fuoco in Piemonte e politiche integrate di difesa del territorio regionale dagli incendi boschivi.

Art. 1 
(Finalità)
1. 
La regione, d'intesa con le componenti autorità statali, individua alcune iniziative per celebrare la storica presenza e l'attività svolta dal corpo dei vigili del fuoco in Piemonte al fine di riconoscerne il rilevante contributo assicurato alla difesa del suo territorio, persegue un rafforzamento dei livelli di integrazione degli interventi regionali in materia di protezione civile e di prevenzione degli incendi boschivi con lo svolgimento delle attività che competono agli enti locali e al corpo dei vigili del fuoco, promuovendo altresì la partecipazione dei privati e delle associazioni di volontariato a tali attività di prevenzione.
Art. 2 
(Celebrazione della storica presenza e attività del corpo dei vigili del fuoco e intese con gli enti pubblici)
1. 
La regione, previa intesa con le componenti autorità statali, definisce le iniziative annuali per la celebrazione della storica presenza e dell'attività del corpo dei vigili del fuoco in Piemonte e procede alla premiazione degli interventi del corpo dei vigili del fuoco che hanno maggiormente contribuito alla difesa del suo territorio.
2. 
La biblioteca del Consiglio regionale cura la raccolta, pubblicazione ed esposizione di materiali documentali sulla tradizionale presenza e attività del corpo dei vigili del fuoco in Piemonte.
3. 
All'interno di una intesa con le componenti autorità statali e con gli enti locali la regione persegue il rafforzamento dei livelli di integrazione e coordinamento dei suoi interventi di difesa del territorio in materia di protezione civile e di prevenzione degli incendi boschivi con l'esercizio delle attività di competenza degli enti locali e del corpo dei vigili del fuoco.
Art. 3 
(Interventi regionali
1. 
La regione, nel perseguimento delle finalità di cui all'articolo 1, provvede:
a) 
all'organizzazione di un concorso annuale, aperto alla partecipazione degli studenti delle scuole primarie e secondarie, sullo storico contributo fornito dal corpo dei vigili del fuoco nella difesa del territorio regionale;
b) 
a concorrere al finanziamento di progetti degli enti locali che promuovano il concorso integrato dei privati cittadini, delle associazioni di volontariato e dei volontari del corpo dei vigili del fuoco nella difesa del territorio regionale dagli incendi boschivi;
c) 
a promuovere la partecipazione delle altre Regioni all'organizzazione dei corsi di formazione per la preparazione di soggetti da impiegare nelle attività di previsione e prevenzione degli incendi boschivi, in attuazione di quanto previsto dall' art. 5 della legge 21 novembre 2000, n. 353 (Legge-quadro in materia di incendi boschivi);
d) 
a concorre al finanziamento di progetti sperimentali basati sull'utilizzo delle nuove tecnologie nella difesa del territorio dalla minaccia degli incendi.
Art. 4 
(Associazioni di volontariato)
1. 
Ai sensi dell' articolo 1 della legge regionale 9 giugno 1994, n. 16 (Interventi per la protezione dei boschi dagli incendi) viene promossa la partecipazione delle associazioni di volontariato ai corsi di formazione per la prevenzione e la lotta agli incendi boschivi.
Art. 5 
(Regolamento)
1. 
Entro tre mesi dall'entrata in vigore della presente legge la giunta regionale, previo parere della competente Commissione consiliare, approva un regolamento avente per oggetto in particolare la disciplina:
a) 
del concorso annuale di cui all'art. 3, comma 1, lett. a);
b) 
delle modalità di partecipazione regionale al finanziamento dei progetti di cui all'art 3, comma 1, lettera b) e lettera d) e dei loro requisiti.
Art. 6 
(Disposizioni finanziarie)
1. 
Agli oneri per il finanziamento degli interventi regionali in materia di protezione civile e di prevenzione degli incendi boschivi, stimati nel biennio 2013-2014 in uno stanziamento pari a 30.000,00 euro per ciascun anno e iscritti nell'ambito dell'unità previsionale di base (UPB) DB14141 (Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Protezione civile e sistema anti incendi boschivi (A.I.B.) Titolo I spese correnti) del bilancio pluriennale per gli anni 2012-2014, si fa fronte con le risorse finanziarie individuate secondo le modalità previste dall' articolo 8 della legge regionale 11 aprile 2001, n. 7 (Ordinamento contabile della Regione Piemonte) e dall' articolo 30 della legge regionale 4 marzo 2003, n. 2 (Legge finanziaria per l'anno 2003).