Proposta di legge regionale n. 75 presentata il 21 novembre 2014
" Interpretazione autentica del comma 1 dell'articolo 4 della legge regionale 3 settembre 2001, n. 24 (Disposizioni in materia di trattamento indennitario dei Consiglieri regionali)"

Art. 1 
(Interpretazione autentica del comma 1 dell'articolo 4 della legge regionale 3 settembre 2001, n. 24)
1. 
Il comma 1 dell'articolo 4 (Contributi volontari) della legge regionale 3 settembre 2001, n. 24 (Disposizioni in materia di trattamento indennitario dei Consiglieri regionali) nella parte in cui prevede che il Consigliere "ha facoltà di continuare, qualora non sia rieletto o comunque cessi dal mandato, il versamento stesso per il tempo occorrente a conseguire il diritto all'assegno vitalizio minimo" e nella parte in cui prevede che "Analoga facoltà è riconosciuta per il completamento di legislature ulteriori rispetto alla prima purchè il Consigliere abbia versato il contributo in quella legislatura per almeno trenta mesi" è da intendersi che tale facoltà può essere esercitata solamente in caso di legislature durate cinque anni o in caso di scioglimento anticipato e non in caso di annullamento delle proclamazioni.