Disegno di legge regionale n. 294 presentato il 04 maggio 2018
Legge annuale di riordino dell'ordinamento regionale. Anno 2018

Sommario:         

CAPO I 
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE
Art. 1. 
(Modifiche all'articolo 3 della l.r. 28/1999 )
1. 
Al comma 3 bis dell'articolo 3 della legge regionale 12 novembre 1999, n. 28 (Disciplina, sviluppo ed incentivazione del commercio in Piemonte), il periodo: "
Una quota del 25 per cento del suddetto onere aggiuntivo è versata nell'apposita sezione del fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese di cui all'articolo 18, comma 1, lettera b bis)
" è sostituito dal seguente: "
Una quota del 25 per cento del suddetto onere aggiuntivo è versata alla Regione ed è destinata agli interventi a favore del commercio, nell'ambito della missione 14, programma 02, titolo 2, della spesa del bilancio regionale.
".
Art. 2. 
(Modifiche all'articolo 11 bis della l.r. 28/1999 )
1. 
Al comma 4 dell'articolo 11 bis della l.r. 28/1999 , come inserito dall' articolo 45 della legge regionale 31 ottobre 2017, n. 16 (Legge annuale di riordino dell'ordinamento regionale. Anno 2017) le parole: "
dei beni architettonici e ambientali
" sono sostituite dalle seguenti: "
del patrimonio culturale e del paesaggio ed ambientali
".
Art. 3. 
(Modifiche alla l.r. 23/2002 )
1. 
Alla lettera d) del comma 2 dell'articolo 2 della legge regionale 7 ottobre 2002, n. 23 (Disposizioni in campo energetico. Procedure di formazione del piano regionale energetico-ambientale. Abrogazione delle leggi regionali 23 marzo 1984, n. 19, 17 luglio 1984, n. 31 e 28 dicembre 1989, n. 79), dopo le parole: "
programma di azioni
" sono inserite le seguenti: "
e gli eventuali piani stralcio
".
2. 
Le lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 4 della l.r. 23/2002 sono sostituite dalle seguenti: "
a)
elaborano, nei casi in cui la popolazione sia superiore ai 50 mila abitanti, nell'ambito dei piani regolatori generali di cui alla legge 17 agosto 1942, n. 1150 (Legge urbanistica), un piano relativo all'uso delle fonti rinnovabili di energia ai sensi di quanto previsto dall' articolo 5, comma 5, della l. 10/1991 ; i comuni con popolazione superiore ai trentamila abitanti e, facoltativamente, quelli con popolazione inferiore a trentamila abitanti, approvano piani dell'illuminazione che, in relazione alle loro specificità territoriali, sono finalizzati a ridurre l'inquinamento luminoso ottico e a migliorare l'efficienza luminosa degli impianti
"; "
b)
i comuni controllano che, nelle aree ad elevata sensibilità, le nuove installazioni dei privati, comprese quelle a scopo pubblicitario o le modifiche sostanziali di impianti siano conformi alla presente legge;
".
3. 
Dopo il comma 2 dell'articolo 6 della l.r. 23/2002 è inserito il seguente: "
2 bis.
Il Piano regionale energetico-ambientale può articolarsi in piani stralcio nei quali sono sviluppati tematismi energetici specifici. I piani stralcio sono approvati dalla Giunta regionale previo parere delle competenti commissioni consiliari.
".
4. 
Il comma 3 dell'articolo 6 della l.r. 23/2002 è sostituito dal seguente: "
3.
Gli aggiornamenti al piano regionale energetico-ambientale, al programma di azioni ed agli eventuali piani stralcio sono approvati dalla Giunta regionale con proprio provvedimento e previa informazione alle competenti commissioni consiliari.
".
5. 
Il comma 1 dell'articolo 7 della l.r. 23/2002 è sostituito dal seguente: "
1.
Ai fini della predisposizione, dell'attuazione e dell'aggiornamento del piano regionale energetico-ambientale, la Regione, con deliberazione della Giunta regionale, istituisce un tavolo di concertazione denominato Forum regionale per l'energia, al quale partecipano gli enti locali, i rappresentanti delle agenzie per l'ambiente e per l'energia, nazionali e locali, delle categorie produttive, delle forze sociali, delle associazioni ambientaliste, degli atenei e degli enti di ricerca e gli operatori maggiormente rappresentativi del settore.
".
Art. 4. 
(Modifiche alla l.r. 34/2004 )
1. 
Dopo il comma 2 dell'articolo 6 della legge regionale 22 novembre 2004, n. 34 (Interventi per lo sviluppo delle attività produttive) è inserito il seguente: "
2 bis.
Nei casi di particolare urgenza ove la mancata adesione tempestiva al programma pluriennale pregiudichi la concreta attuazione degli interventi da essi previsti, quest'ultimo è sottoposto alla commissione consiliare competente sentite le associazioni imprenditoriali piemontesi maggiormente rappresentative.
".
Art. 5. 
(Modifiche alla l.r. 16/2017 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 76 della l.r. 16/2017 , dopo le parole: "
e della rete elettrica
" sono aggiunte, infine, le seguenti: "
conformemente agli strumenti di pianificazione territoriale e paesaggistica regionali, provinciali e della Città metropolitana, nonchè ai piani settoriali attuandone le previsioni
".
CAPO II 
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CULTURA E TURISMO
Art. 6. 
(Modifiche all'articolo 4 bis della l.r. 17/2005 )
1. 
La lettera c) del comma 4 dell'articolo 4 bis della legge regionale 28 dicembre 2005, n. 17 (Disciplina della diffusione dell'esercizio cinematografico in Piemonte) è sostituita dalla seguente: "
c)
a fabbricati siti nei centri storici, per gli interventi di cui al comma 1, lettera b);
".
Art. 7. 
(Modifiche alla l.r. 2/2009 )
1. 
La lettera a) del comma 10 dell'articolo 28 bis della legge regionale 26 gennaio 2009, n. 2 (Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport montani invernali ed estivi e disciplina dell'attività di volo in zone di montagna) è sostituita dalla seguente: "
a)
ai servizi di trasporto di suppellettili, materiali e manodopera finalizzati ad attività di lavoro in montagna e di animali da pastorizia;
".
2. 
Alla lettera f) del comma 1 dell'articolo 35 della l.r. 2/2009 le parole: "
dell'articolo 28, comma 8, secondo periodo
" sono sostituite dalle seguenti: "
dell'articolo 28, comma 1, lettera c), secondo periodo
".
3. 
Alla lettera c) del comma 2 dell'articolo 35 della l.r. 2/2009 , le parole: "
all'articolo 28, commi 2, 3 e 4
" sono sostituite dalle seguenti: "
all'articolo 28, comma 2, lettere b) e c)
".
4. 
Alla lettera d) del comma 2 dell'articolo 35 della l.r. 2/2009 , le parole: "
all'articolo 28, comma 6
" sono sostituite dalle seguenti. "
all'articolo 28, comma 1, lettera a)
".
5. 
Alla lettera e) del comma 2 dell'articolo 35 della l.r. 2/2009 , le parole: "
all'articolo 28, comma 9
" sono sostituite dalle seguenti. "
all'articolo 28, comma 3
".
6. 
Alla lettera f) del comma 2 dell'articolo 35 della l.r. 2/2009 , le parole: "
all'articolo 28, comma 8, primo periodo
" sono sostituite dalle seguenti. "
all'articolo 28, comma 1, lettera c), primo periodo
".
Art. 8. 
(Modifiche all'articolo 6 della l.r.14/2016 )
1. 
Dopo la lettera h) del comma 2 dell'articolo 6 della legge regionale 11 luglio 2016, n. 14 (Nuove disposizioni in materia di organizzazione dell'attività di promozione, accoglienza e informazione turistica in Piemonte) è aggiunta la seguente: "
h bis)
predispone e realizza le attività utili allo sviluppo del turismo congressuale in Piemonte.
".
Art. 9. 
(Modifiche all'articolo 16 della l.r.14/2016 )
1. 
Al comma 5 dell'articolo 16 della l.r. 14/2016 , dopo le parole: "
sul territorio
" sono aggiunte, infine, le seguenti: "
che assumono la denominazione IAT solo attraverso la stipula di apposita convenzione con l'ATL di riferimento
".
Art. 10. 
(Modifiche alla l.r.13/2017 )
1. 
Al comma 2 dell'articolo 9 della legge regionale 3 agosto 2017, n. 13 (Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere) le parole: "
dieci posti letto
" sono sostituite dalle seguenti: "
trenta posti letto
".
2. 
Al comma 10 dell'articolo 21 della l.r. 13/2017 sono aggiunte, infine, le parole: "
, ad esclusione delle violazioni di cui ai commi 1 e 2.
".
CAPO III 
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRASPORTI
Art. 11. 
(Modifiche alla l.r. 1/2000 )
1. 
Alla fine del secondo periodo del comma 1 ter dell'articolo 8 della legge regionale 4 gennaio 2000, n. 1 (Norme in materia di trasporto pubblico locale, in attuazione del decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 ) sono aggiunte le seguenti parole: "
nonché delle unioni montane aventi popolazione superiore a 5.000 abitanti di cui alla legge regionale 14 marzo 2014, n. 3 (Legge sulla montagna)
".
2. 
Dopo il comma 4 bis dell'articolo 12 della l.r. 1/2000 è inserito il seguente: "
4 ter.
I soggetti che, ai sensi dell' articolo 50 della legge regionale 23 aprile 2007, n. 9 (Legge finanziaria per l'anno 2007), hanno diritto alla libera circolazione sui servizi di trasporto pubblico locale e regionale, per usufruire delle agevolazioni tariffarie devono munirsi di apposita tessera elettronica. La Regione provvede con deliberazione della Giunta regionale a definire le modalità di rilascio delle tessere.
".
3. 
Dopo il comma 1 dell'articolo 20 della l.r. 1/2000 è inserito il seguente: "
1 bis.
Si intendono per utenti tutti i soggetti che, a qualunque titolo, utilizzano il sistema di trasporto pubblico locale e regionale per compiere uno spostamento.
".
4. 
Dopo il comma 10 dell'articolo 20 della l.r. 1/2000 è inserito il seguente: "
10 bis.
A decorrere dal mese di giugno 2019 le sanzioni di cui ai precedenti commi si applicano anche ai soggetti che, ai sensi dell' articolo 50 della l.r. 9/2007 , hanno diritto alla libera circolazione sui servizi di trasporto pubblico locale e regionale.
".
Art. 12. 
(Abrogazione dell'articolo 12 della l.r. 22/2006 )
1. 
L' articolo 12 della legge regionale 26 giugno 2006, n. 22 (Norme in materia di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente) è abrogato.
CAPO IV 
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO E DEMANIO IDRICO
Art. 13. 
(Modifiche alla l.r. 45/1989 )
1. 
I numeri 1) e 2) della lettera c) del comma 1 dell'articolo 2 della legge regionale 9 agosto 1989, n. 45 (Nuove norme per gli interventi da eseguire in terreni sottoposti a vincolo per scopi idrogeologici - Abrogazione legge regionale 12 agosto 1981, n. 27 ) sono abrogati.
3. 
I commi 1, 2, 3 e 4 dell' articolo 6 della l.r. 45/1989 sono abrogati.
4. 
Al comma 2 dell'articolo 11 della l.r. 45/1989 , dopo le parole: "
di pubblico servizio
" sono inserite le seguenti: "
,nonché le opere ed i lavori pubblici di cui all' articolo 2 della legge regionale 19 novembre 1975, n. 54 (Interventi regionali in materia di sistemazione di bacini montani, opere idraulico-forestali, opere idrauliche di competenza regionale)
".
5. 
Il comma 4 dell'articolo 13 della l.r. 45/1989 è sostituito dal seguente: "
4.
Ai sensi della legge 1° luglio 2011, n. 9 (Riordino delle funzioni amministrative sanzionatorie), i proventi derivanti dalle sanzioni sono introitati nel bilancio degli enti a cui spetta la funzione autorizzatoria.
".
Art. 14. 
(Modifiche alla l.r. 18/1984 )
1. 
Il comma 5 dell'articolo 18 della legge regionale 21 marzo 1984, n. 18 (Legge generale in materia di opere e lavori pubblici) è abrogato.
Art. 15. 
(Modifiche alla l.r. 12/2004 )
1. 
La tabella di cui all'allegato A previsto dall' articolo 1, comma 2, lettera c) della legge regionale 18 maggio 2004, n. 12 (Disposizioni collegate alla legge finanziaria per il 2004), come sostituita dalla tabella di cui all'allegato A alla legge regionale 12 agosto 2013, n. 17 , è sostituita dalla tabella di cui all'allegato A alla presente legge, comprensiva degli aggiornamenti per il triennio 2016-2018. Le modifiche alla tabella e gli aggiornamenti per i trienni successivi rimangono disciplinati dall' articolo 1, comma 2, lettera c) della l.r. 12/2004 .
CAPO V 
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AMBIENTE, GOVERNO DEL TERRITORIO E PAESAGGIO
Sezione I. 
Ambiente
Art. 16. 
(Modifiche alla l.r. 20/2002 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 16 della legge regionale 5 agosto 2002, n. 20 (Legge Finanziaria per l'anno 2002) le parole: "
quarantacinque giorni dalla data dell'apposita
" sono sostituite dalle seguenti: "
la data di scadenza indicata nell'apposita
".
2. 
Al comma 4 dell'articolo 16 della l.r. 20/2002 le parole: "
il termine per il relativo versamento decorre dalla data della
" sono sostituite dalle seguenti: "
il loro versamento è effettuato entro la data di scadenza indicata nell'apposita
".
3. 
Alla lettera a) del comma 2 dell'articolo 18 della l.r. 20/2002 le parole: "
quarantacinque giorni dalla data dell'apposita
" sono sostituite dalle seguenti: "
la data di scadenza indicata nell'apposita
".
Art. 17. 
(Modifiche all'articolo 2 della l.r. 19/2009 )
1. 
Dopo la lettera c) del comma 2 dell'articolo 2 della legge regionale 29 giugno 2009 n. 19 (Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità), come modificato dall' articolo 1 della legge regionale 3 agosto 2011 n. 16 , è aggiunta la seguente: "
c bis)
altre aree ed elementi territoriali importanti per la biodiversità.
".
Art. 18. 
(Sostituzione dell'articolo 3 della l.r. 19/2009 )
1. 
L' articolo 3 della l.r. 19/2009 è sostituito dal seguente: "
Art. 3.
(Carta della Natura regionale)
1.
La carta della natura regionale, in coerenza con la pianificazione territoriale e paesaggistica regionale, individua la rete ecologica di cui all'articolo 2 sulla base dello stato dell'ambiente naturale del Piemonte, evidenziando i valori naturali e le necessarie connessioni ecologiche, comprese le relative norme di conservazione e salvaguardia.
2.
La Giunta regionale, sentite le province e la Città metropolitana, predispone e adotta la carta della natura regionale, comprensiva delle eventuali misure di salvaguardia ai sensi dell' articolo 58 della legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo) e informa la competente commissione consiliare permanente regionale. Contestualmente viene data notizia dell'adozione sul Bollettino Ufficiale della Regione, con indicazione dell'indirizzo del sito informatico in cui chiunque può prendere visione degli elaborati al fine di far pervenire, nei successivi sessanta giorni, osservazioni nel pubblico interesse.
3.
Decorsi i termini di cui al comma 2, entro i successivi novanta giorni, la Giunta regionale, esaminate le osservazioni pervenute procede alla predisposizione e all'adozione degli elaborati definitivi che sono trasmessi al Consiglio regionale per l'approvazione.
4.
La carta della natura regionale è pubblicata, in seguito all'approvazione, per estratto sul Bollettino ufficiale della Regione e in formato integrale sul sito informatico regionale e assume efficacia con la pubblicazione.
5.
Le province, la Città metropolitana e i comuni adeguano, per il territorio di loro competenza, i propri strumenti di pianificazione territoriale, settoriale e urbanistica alla carta della natura, nel rispetto delle procedure di formazione e di approvazione degli strumenti medesimi.
6.
Ai fini dell'approvazione della carta della natura regionale, come disciplinata dai commi 2, 3 e 4, la Giunta regionale, con propria deliberazione, definisce gli elaborati e la disciplina attuativa della stessa in coerenza con quanto previsto all' articolo 8, comma 4 della l.r. 56/1977 . La carta della natura può essere adottata e approvata anche per stralci territoriali corrispondenti ad ambiti sovracomunali o ai confini provinciali o della città metropolitana.
7.
Dalla data di adozione della carta di cui al comma 1, si applicano le misure di salvaguardia di cui all' articolo 58 della l.r. 56/1977 esclusivamente alle norme specificatamente individuate nell'atto di adozione, a pena di inefficacia delle misure stesse.
8.
Le aree individuate nella carta della natura regionale come facenti parte della rete ecologica regionale sono soggette alle disposizioni di cui ai titoli da II a VI.
".
Art. 19. 
(Modifiche all'articolo 13 della l.r. 19/2009 )
1. 
Dopo la lettera b) del comma 1 dell'articolo 13 della l.r. 19/2009 è inserita la seguente: "
b bis) il revisore dei conti;
".
Art. 20. 
(Modifiche all'articolo 15 della l.r. 19/2009 )
1. 
La lettera j) del comma 6 dell'articolo 15 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
j)
assegna gli obiettivi ai dirigenti dell'ente e ne valuta i risultati su proposta del presidente;
".
2. 
Dopo la lettera o) del comma 6 dell'articolo 15 della l.r. 19/2009 è inserita la seguente: "
o bis) nomina il revisore dei conti dell'ente;
".
Art. 21. 
(Inserimento dell'articolo 17 bis della l.r. 19/2009 )
1. 
Dopo l' articolo 17 della l.r. 19/2009 è inserito il seguente: "
Art. 17 bis.
(Il revisore dei conti)
1.
Il revisore dei conti esercita il riscontro contabile sugli atti dell'ente di gestione delle aree protette secondo le norme di contabilità. In particolare il revisore dei conti esercita la vigilanza sulla regolarità contabile e finanziaria della gestione dell'ente.
2.
Il revisore dei conti dura in carica tre anni, è nominato dal Consiglio dell'ente ed è scelto tra i revisori contabili iscritti nel registro di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 (Attuazione della direttiva 2006/43/CE , relativa alle revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati, che modifica le direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE, e che abroga la direttiva 84/253/CEE ).
3.
Al revisore dei conti spetta un'indennità annua stabilita con deliberazione della Giunta regionale. L'indennità varia da un minimo di un dodicesimo ad un massimo di un ottavo dell'indennità di carica annuale lorda spettante ai consiglieri regionali da calcolarsi sulla base del totale generale della spesa dell'ente di gestione così come riportata nel conto consuntivo relativo all'esercizio precedente a quello di affidamento dell'incarico.
".
Art. 22. 
(Modifiche all'articolo 20 della l.r. 19/2009 )
1. 
Al comma 5 dell'articolo 20 della l.r. 19/2009 le parole: "
responsabile di struttura o
" sono soppresse.
2. 
La lettera g) del comma 8 dell'articolo 20 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
g)
esercita i poteri disciplinari previsti dalla normativa e dai contratti collettivi vigenti in materia;
".
Art. 23. 
(Modifiche all'articolo 21 della l.r. 19/2009 )
1. 
La lettera b) del comma 1 dell'articolo 21 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
b) all'Arma dei Carabinieri;
".
Art. 24. 
(Modifiche all'articolo 26 della l.r. 19/2009 )
1. 
Dopo il primo periodo del comma 12 dell'articolo 26 della l.r. 19/2009 è aggiunto il seguente: "
Nell'ambito delle aree contigue dotate di piano d'area, la comunicazione di cui al comma 11 è trasmessa al soggetto gestore dell'area naturale protetta di riferimento, precisato con provvedimento della Giunta regionale, che formula l'eventuale parere previsto al medesimo comma.
".
Art. 25. 
(Modifiche all'articolo 27 della l.r. 19/2009 )
1. 
La rubrica dell' articolo 27 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
Piani naturalistici delle aree naturali protette e piani di gestione delle riserve speciali
".
Art. 26. 
(Sostituzione dell'articolo 29 della l.r. 19/2009 )
1. 
L' articolo 29 della l.r. 19/2009 è sostituito dal seguente: "
Art. 29.
(Attività di indirizzo, coordinamento e supporto)
1.
La Regione definisce gli obiettivi e le linee strategiche prioritarie per il sistema regionale delle aree naturali protette con provvedimenti di indirizzo coerenti con le linee guida dell'Unione europea e nazionali.
2.
La Regione coordina le iniziative dei soggetti gestori e fornisce il supporto tecnico e amministrativo necessario a garantire l'unitarietà della politica di settore, dell'immagine e della comunicazione istituzionale. Ai fini del confronto sulle esigenze del sistema regionale delle aree naturali protette la Giunta regionale riunisce i Presidenti degli Enti di gestione regionali.
3.
Al fine di garantire l'attuazione degli indirizzi programmatici di cui al comma 1, la Regione valuta, anche attraverso l'analisi degli atti di cui ai commi 5, 6 e 7, l'attività ed i risultati degli enti di gestione in relazione agli specifici indirizzi ed obiettivi assegnati ed alla coerenza con i programmi regionali.
4.
Per l'esercizio delle funzioni di cui al presente articolo la Regione in particolare svolge le seguenti attività:
a)
interviene con eventuali verifiche amministrative;
b)
nel rispetto del decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150 (Attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni) istituisce la commissione di valutazione per i dirigenti degli enti di gestione delle aree naturali protette di cui al comma 10, con il compito di definire criteri omogenei da adottare per il sistema valutativo dei dirigenti degli enti ed esprimere pareri sui risultati e sulla correttezza delle procedure di valutazione;
c)
realizza e gestisce un sistema informativo centrale articolato su banche dati tematiche funzionali all'attività di coordinamento del sistema ed alla rappresentazione all'utenza;
d)
promuove la conoscenza e la diffusione a fini didattici, scientifici e culturali del patrimonio tutelato attraverso:
1)
l'informazione e la comunicazione istituzionale sulle aree naturali protette e la biodiversità, anche mediante la piattaforma editoriale "Piemonte Parchi";
2)
la documentazione di sistema dei materiali bibliografici prodotti dai soggetti gestori;
3)
la raccolta, la classificazione e la gestione di testi, strumenti di pianificazione e documenti in materia di aree naturali protette e tematiche connesse mediante l'istituzione di apposita biblioteca specialistica;
4)
la predisposizione di collane di pubblicazioni scientifiche, didattiche e informative;
5)
la promozione di forme di attività didattiche, scientifiche e culturali delle aree naturali protette;
6)
definisce strumenti per l'identificazione e la valorizzazione delle produzioni agro-alimentari delle aree naturali protette.
5.
Per l'esercizio delle attività di programmazione e coordinamento del sistema regionale delle aree naturali protette, gli enti di gestione trasmettono alla Regione gli atti di seguito indicati entro trenta giorni dall'adozione, salvo quanto diversamente disposto alla lettera c):
a)
gli atti di programmazione economico-sociale;
b)
il programma operativo recante gli obiettivi, le strategie di azione, gli interventi, le risorse finanziarie;
c)
la relazione annuale sull'attività svolta dall'ente con riferimenti agli impatti ambientali e socio-economici, da inviare entro il 30 aprile dell'anno successivo;
d)
le convenzioni quadro e gli atti di straordinaria amministrazione.
6.
Gli enti di gestione trasmettono alla Regione i seguenti atti:
a)
i bilanci di previsione, le variazioni e l'assestamento di bilancio;
b)
il conto consuntivo da approvarsi entro il 30 aprile di ogni anno.
7.
La Regione può chiedere la trasmissione di ulteriori atti necessari all'espletamento delle funzioni istituzionali di cui al presente articolo. A tal fine gli enti di gestione trasmettono alla Regione l'elenco mensile delle determinazioni dirigenziali.
8.
Nell'esercizio dei poteri di cui al presente articolo la Regione formula direttive e rilievi a cui gli enti gestori si conformano tempestivamente.
9.
La mancata osservanza dei provvedimenti di indirizzo e delle direttive emanate e il mancato recepimento dei rilievi formulati in ordine ai provvedimenti adottati dagli enti di gestione possono essere valutati ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 30.
10.
La commissione di valutazione è costituita con deliberazione della Giunta regionale ed è composta da esperti in materia di organizzazione e gestione del personale degli enti del comparto Regione - Autonomie locali. Svolge il ruolo di segretario della commissione di valutazione un funzionario della direzione regionale competente.
11.
I componenti della commissione di valutazione non possono ricoprire incarichi presso gli enti di gestione per le materie oggetto di controllo.
12.
La Regione si avvale degli Enti di gestione e del loro personale per lo svolgimento di attività connesse alle esigenze del sistema regionale delle aree naturali protette.
13.
In caso di assenza o impedimento del direttore dell'ente di gestione o di cessazione dal suo incarico, nelle more del completamento delle procedure di nomina del nuovo direttore, le relative funzioni sono svolte da un altro dirigente del sistema regionale delle aree naturali protette individuato con deliberazione della Giunta regionale.
14.
Il Museo paleontologico territoriale dell'Astigiano opera in raccordo con il Museo regionale di Scienze naturali della Regione Piemonte in applicazione di un'apposita convenzione tra i rispettivi soggetti gestori finalizzata all'integrazione delle attività e degli addetti, nonché al sostegno e alla conservazione della struttura museale astigiana e dei geositi su cui la stessa opera.
".
Art. 27. 
(Modifiche all'articolo 31 della l.r. 19/2009 )
Art. 28. 
(Modifiche all'articolo 39 della l.r. 19/2009 )
1. 
La lettera c) del comma 2 dell'articolo 39 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
c)
le zone di protezione speciale, di cui all' articolo 4, comma 1, della direttiva 2009/147/CE , individuate con deliberazione della Giunta regionale, ai sensi dell' articolo 1, comma 5, della legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio).
".
2. 
Il comma 3 dell'articolo 39 della l.r. 19/2009 è sostituito dal seguente: "
3.
I siti di importanza comunitaria di cui all' articolo 3, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357 (Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonche' della flora e della fauna selvatiche) sono individuati con deliberazione della Giunta regionale e sono comunicati al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare ai fini della presentazione e della formulazione alla Commissione europea dell'elenco dei siti di importanza comunitaria proposti.
".
Art. 29. 
(Modifiche all'articolo 49 della l.r. 19/2009 )
1. 
La lettera a) del comma 1 dell'articolo 49 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
a) all'Arma dei Carabinieri;
".
2. 
La lettera e) del comma 1 all' articolo 49 della l.r. 19/2009 è sostituita dalla seguente: "
e)
alle guardie ecologiche volontarie di cui all' articolo 37 della legge regionale 2 novembre 1982, n. 32 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale), previa convenzione con gli enti di gestione interessati laddove la vigilanza abbia luogo nei siti della Rete Natura 2000 coincidenti in tutto o in parte con aree naturali protette regionali.
".
Art. 30. 
(Modifiche all'articolo 50 della l.r. 19/2009 )
1. 
Il comma 1 all' articolo 50 della l.r. 19/2009 è sostituito dal seguente: "
1.
In conformità ai principi della direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004 , sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale, gli interventi, le opere e le attività eseguiti in assenza della procedura di valutazione di incidenza, in difformità dal giudizio di valutazione di incidenza o in contrasto con gli obiettivi specifici di tutela e di conservazione contenuti nelle schede descrittive delle aree della Rete Natura 2000 e dei siti di importanza comunitaria proposti, comportano, oltre alla sanzione amministrativa di cui all'articolo 55, comma 1, lettera t), l'obbligo del ripristino, a cura e spese del responsabile, da eseguirsi in conformità alle disposizioni contenute in apposito provvedimento adottato dalle province territorialmente competenti.
" 2. Al comma 3 dell'articolo 50 della l.r. 19/2009 dopo le parole: "
dei lavori
" sono inserite le seguenti:"
e delle attività
".
Art. 31. 
(Sostituzione dell'articolo 55 della l.r. 19/2009 )
1. 
L' articolo 55 della l.r. 19/2009 è sostituito dal seguente: "
Art. 55.
(Sanzioni)
1.
Ferme restando le norme di carattere penale, per le violazioni dei divieti e per l'inosservanza degli obblighi di cui alla presente legge si applicano le seguenti sanzioni:
a)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere c) ed e) comportano la sanzione amministrativa proporzionale da un minimo di 120,00 euro ad un massimo di 360,00 euro per ogni metro cubo di materiale rimosso;
b)
la violazione al divieto di cui all'articolo 8, comma 3, lettera d) comporta la sanzione amministrativa proporzionale da un minimo di 500,00 euro ad un massimo di 3000,00 euro per ogni metro cubo di materiale depositato;
c)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettera h) comportano la sanzione amministrativa di 10.000,00 euro aumentata di 500,00 euro per ogni metro quadro, o frazione di esso, di superficie dell'ecosistema danneggiato;
d)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere f) comportano la sanzione amministrativa di 5.000,00 euro aumentata di 300,00 euro per ogni metro lineare di nuova strada realizzata o di ampliamento di quelle esistenti;
e)
fermo restando le disposizioni di cui all' articolo 28 bis della legge regionale 26 gennaio 2009, n. 2 (Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport montani invernali ed estivi e disciplina dell'attività di volo in zone di montagna) e le relative sanzioni di cui ai commi 9 bis, 9 ter e 9 quater dell' articolo 35 della medesima l.r. 2/2009 , le violazioni al divieto, di cui all'articolo 8, comma 3, lettera o) commesse nelle aree naturali protette poste ad altitudine inferiore agli ottocento metri sul livello del mare, comportano la sanzione amministrativa da euro 3.000,00 a euro 9.000,00 euro;
f)
la violazione al divieto di cui all'articolo 8, comma 3, lettera b) comporta la sanzione amministrativa da 2.000,00 euro a 10.000,00 euro. La violazione al divieto comporta il sequestro amministrativo dell'arma, dell'esplosivo e di qualsiasi mezzo distruttivo o di cattura introdotti;
g)
la violazione ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere g) comporta la sanzione amministrativa da 100,00 euro a 1.000,00 euro;
h)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere i) limitatamente alla cattura, uccisione e danneggiamento delle specie animali, e lettera k) comportano la sanzione amministrativa di 200,00 euro aumentata di 100,00 euro per ogni esemplare catturato, ucciso, danneggiato o introdotto;
i)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettera i) limitatamente al disturbo delle specie animali, comportano la sanzione amministrativa di 100,00 euro;
j)
ferme restando le sanzioni previste all' articolo 38, comma 1, lettera f) della l.r. 32/1982 , per le specie vegetali a protezione assoluta di cui all'elenco allegato alla medesima legge, le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettera j) comportano la sanzione amministrativa di 30,00 euro aumentata di 3,00 euro per ogni esemplare raccolto o danneggiato;
k)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere l) e m), comportano la sanzione amministrativa da 200,00 euro a 2.000,00 euro;
l)
le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettera n) compiute con veicoli comportano la sanzione amministrativa da euro 200,00 a euro 900,00. Le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettera n) compiute con motoslitte comportano le sanzioni amministrative di cui all'articolo 35, comma 1, lettera f bis) e comma 2, lettere c), d), e) ed f) della l.r. 2/2009 ;
m)
chiunque impedisce la realizzazione degli interventi di cui all'articolo 33 è soggetto alla sanzione amministrativa da 5.000,00 euro a 15.000,00 euro. Se l'impedimento arreca, direttamente o indirettamente, danni alle colture agrarie o all'ambiente naturale, il soggetto che ha impedito la realizzazione degli interventi è tenuto altresì al risarcimento dei danni;
n)
chiunque effettua l'abbattimento di piante di alto fusto di cui all'articolo 43, comma 2 bis senza effettuare la comunicazione o in violazione delle prescrizioni impartite dal soggetto gestore del sito della rete Natura 2000 è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100,00 euro a 400,00 euro;
o)
per le violazioni delle norme in materia di caccia e pesca, così come per le violazioni relative ad interventi di alterazione o distruzione degli ambienti naturali dovuti a comportamenti normati da leggi dello Stato o della Regione, si applicano le sanzioni previste dalle leggi di settore;
p)
ferme restando le sanzioni di cui al presente articolo e quelle previste all' articolo 38 della l.r. 32/1982 , per le violazioni ai limiti ed ai divieti contenuti nei regolamenti delle aree protette e nei piani naturalistici e nei piani di gestione delle riserve speciali di cui all'articolo 27 si applica la sanzione amministrativa da 100,00 euro a 1.000,00 euro. q) fino all'approvazione dei regolamenti delle aree protette, per le fattispecie non sanzionate dal presente articolo o dall' articolo 38 della l.r. 32/1982 continuano ad applicarsi le norme sanzionatorie previste dalle leggi regionali che disciplinano l'utilizzo e la fruizione delle aree naturali protette;
r)
le violazioni alle misure di conservazione di cui all'articolo 40 e ai piani di gestione di cui all'articolo 42 che integrano le violazioni ai divieti di cui all'art. 8 comportano le sanzioni amministrative previste dalle lettere da a) a p) del presente articolo. Le ulteriori violazioni alle misure di conservazione di cui all'articolo 40 e ai piani di gestione di cui all'articolo 42 comportano la sanzione amministrativa da 500,00 euro a 5.000,00 euro;
s)
le violazioni alle misure di conservazione di cui all'articolo 40 e ai piani di gestione di cui all'articolo 42 che integrano le violazioni ai divieti di cui all' articolo 11 della l.r. 32/1982 comportano le sanzioni amministrative previste dall'articolo 38 della medesima legge;
t)
le violazioni richiamate all'articolo 50, comma 1, comportano la sanzione amministrativa da 10.000 euro a 24.000,00 euro;
u)
ogni violazione che comporta modificazioni dello stato dei luoghi nelle aree protette di cui al titolo II prevede, oltre alla sanzione amministrativa di cui alle lettere da a) a l), l'obbligo del ripristino dei luoghi secondo le disposizioni contenute in apposito provvedimento adottato dal soggetto gestore.
2.
Per l'accertamento delle violazioni e per l'applicazione delle sanzioni di cui al presente articolo si applicano le disposizioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale).
3.
La misura delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui al presente articolo è aggiornata ogni due anni in misura pari all'intera variazione media nazionale, accertata dall'Istituto nazionale di statistica (ISTAT), dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nei due anni precedenti. Sulla base di tali criteri, entro il 28 febbraio dell'anno successivo al biennio, sono fissati i nuovi valori delle sanzioni amministrative pecuniarie che si applicano con decorrenza dal 1° aprile successivo. La misura delle sanzioni amministrative pecuniarie così aggiornata è oggetto di arrotondamento all'unità di euro, per eccesso se la frazione decimale è pari o superiore a 50 centesimi di euro oppure per difetto se è inferiore a detto limite.
4.
Le sanzioni di cui al presente articolo, ivi comprese quelle irrogate ai sensi della l.r. 32/1982 , sono irrogate dalla Regione e introitate dalla Regione stessa o dagli enti di gestione in relazione ai territori gestiti. Nel caso di violazioni accertate su aree a gestione provinciale o locale le sanzioni sono irrogate ed introitate dalla Città metropolitana, dalle province o dai comuni a cui compete la gestione.
".
Art. 32. 
(Modifiche all'articolo 58 della l.r. 19/2009 )
Art. 33. 
(Modifiche alla l.r. 18/2016 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 14 della legge regionale 26 settembre 2016, n. 18 (Nuova disciplina dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale del Piemonte (ARPA)), le parole: "
non sono immediatamente rinominabili
" sono sostituite dalle seguenti: "
possono essere rinominati una sola volta
".
Sezione II. 
Governo del territorio e paesaggio
Art. 34. 
(Modifiche all'articolo 15 della l.r. 56/1977 )
1. 
Il comma 17 dell'articolo 15 della legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo) è sostituito dal seguente: "
17.
La pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte, di cui al comma 16, è subordinata, a pena d'inefficacia, alla trasmissione alla Regione dello strumento urbanistico approvato per il monitoraggio e per l'aggiornamento degli strumenti di pianificazione di area vasta.
".
2. 
Dopo il comma 17 dell'articolo 15 della l.r. 56/1977 sono inseriti i seguenti: "
17 bis.
Quanto previsto al comma 17 si applica anche alle varianti allo strumento urbanistico approvate a sensi degli articoli 16 bis, 17 e 17 bis.
17 ter.
Lo strumento urbanistico è altresì trasmesso con le stesse modalità alla provincia e alla Città metropolitana.
".
Art. 35. 
(Modifiche all'articolo 58 della l.r. 56/1977 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 58 le parole: "
fino alla loro approvazione
" sono sostituite dalle seguenti: "
fino alla pubblicazione dell'atto di approvazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte
".
2. 
Al comma 2 dell'articolo 58 le parole: "
fino all'emanazione del relativo atto di approvazione
" sono sostituite dalle seguenti: "
fino alla pubblicazione del relativo atto di approvazione Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte
".
3. 
Al comma 8 dell'articolo 58 le parole: "
fino alla data di approvazione
" sono sostituite dalle seguenti: "
fino alla data di pubblicazione dell'atto di approvazione Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte
".
Art. 36. 
(Modifiche all'articolo 1 della l.r. 24/1996 )
1. 
Dopo il comma 1 dell'articolo 1 della legge regionale 30 aprile 1996, n. 24 (Sostegno finanziario ai Comuni per l'adeguamento obbligatorio della strumentazione urbanistica) è inserito il seguente: "
1 bis.
I comuni con popolazione superiore ai cinquemila abitanti sono finanziati per la finalità previste dal comma 1 se lo consentono le risorse finanziarie stanziate dalla Regione nell'esercizio finanziario di riferimento e soltanto dopo aver concluso i programmi di finanziamento a favore dei comuni con popolazione inferiore a cinquemila abitanti.
".
Art. 37. 
(Modifiche all'articolo 2 della l.r. 24/1996 )
Art. 38. 
(Modifiche all'articolo 3 della l.r. 24/1996 )
1. 
Il comma 2 dell'articolo 3 della l.r. 24/1996 è sostituito dal seguente: "
2.
Le domande di contributo sono inoltrate alla direzione regionale competente entro la data del 30 aprile di ogni anno.
".
Art. 39. 
(Modifiche alla l.r. 14/2008 )
1. 
Al comma 2 dell'articolo 2 della legge regionale 16 giugno 2008, n. 14 (Norme per la valorizzazione del paesaggio), le parole: "
31 marzo
" sono sostituite dalle seguenti: "
30 giugno
".
2. 
Al comma 2 dell'articolo 3 della l.r. 14/2008 le parole: "
31 gennaio
" sono sostituite dalle seguenti: "
30 aprile
".
CAPO VI 
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PERSONALE
Art. 40. 
(Sostituzione dell'articolo 18 della l.r. 23/2008 )
1. 
L' articolo 18 della legge regionale 28 luglio 2008 n. 23 (Disciplina dell'organizzazione degli uffici regionali e disposizioni concernenti la dirigenza ed il personale) è sostituito dal seguente: "
Art. 18.
(Funzioni dirigenziali e contenuto degli incarichi)
1.
La dirigenza regionale è ordinata in un'unica qualifica, articolata per funzioni come di seguito indicato:
a)
posizioni dirigenziali preposte alle strutture organizzative denominate direzioni regionali;
b)
segretario generale della Giunta regionale;
c)
segretario generale del Consiglio regionale;
d)
capo di gabinetto della Giunta regionale;
e)
posizioni dirigenziali preposte alle strutture organizzative denominate settori ovvero alle strutture temporanee e di progetto, nonché quelle corrispondenti a funzioni sia tecnico-professionali, per l'assolvimento di prestazioni disciplinate dagli specifici ordinamenti professionali di riferimento, sia tecnico-specialistiche ovvero ispettive, di consulenza, di studio e ricerca, inserite in posizione di staff;
f)
vicedirettori.
2.
Ai dirigenti preposti alle strutture di direzione spetta il raccordo con gli organi di direzione politico-amministrativa nonché la proposta e l'attuazione del programma collegato agli obiettivi definiti dagli organi medesimi, ripartendone le risorse umane, finanziarie e strumentali. I dirigenti preposti alle strutture di direzione di cui al comma 1, lettere a), b) e d), limitatamente alla durata dell'incarico, esercitano sugli altri dirigenti della loro struttura compiti di direzione, coordinamento, indirizzo, impulso, valutazione e verifica anche sulla base delle proposte e degli elementi di conoscenza forniti dai dirigenti ai quali sono sovraordinati; provvedono, inoltre, fatto salvo quanto previsto dalle disposizioni di legge in materia di ordinamento contabile della Regione, ad esercitare i poteri di spesa e quelli di acquisizione delle entrate rientranti nella competenza dei propri uffici, salvo quelli delegati ai dirigenti di cui al comma 1, lettera e).
3.
Il contenuto degli incarichi attribuiti ai dirigenti individua in modo differenziato compiti e responsabilità, secondo quanto specificato negli atti amministrativi generali di organizzazione, in relazione alle diverse caratteristiche delle strutture organizzative assegnate o delle posizioni di staff attribuite.
".
Art. 41. 
(Modifiche all'articolo 19 della l.r. 23 2008 )
1. 
Dopo il comma 1 dell'articolo 19 delle l.r. 23/2008 è inserito il seguente: "
1 bis.
Gli incarichi di cui all'articolo 18, comma 1, lettere c) ed f) sono aggiuntivi rispetto a quelli disciplinati rispettivamente alle lettere a) ed e) del medesimo articolo e comportano una maggiorazione dell'indennità di posizione definita ai sensi del comma 1.
".
Art. 42. 
(Modifiche all'articolo 22 della l.r. 23 2008 )
1. 
Il comma 1 dell'articolo 22 della l.r. 23/2008 è sostituito dal seguente: "
1.
Gli incarichi dirigenziali, fatto salvo quanto disposto dall'articolo 15, sono attribuiti a dirigenti regionali dall'Ufficio di Presidenza del Consiglio e dalla Giunta regionale per le strutture di rispettiva competenza, sulla base delle modalità e dei criteri stabiliti nei provvedimenti di organizzazione
".
2. 
Il comma 5 dell'articolo 22 della l.r. 23/2008 è sostituito dal seguente: "
5.
In attuazione delle disposizioni di cui ai commi 2 e 3, i provvedimenti organizzativi definiscono i criteri e le modalità procedurali con i quali gli incarichi dirigenziali sono conferiti ed i termini della loro durata non superiore a cinque anni, fermo restando quanto indicato nei contratti collettivi di lavoro.
".
Art. 43. 
(Abrogazione dell'articolo 23 della l.r. 23/2008 )
1. 
Art. 44. 
(Modifiche all'articolo 24 della l.r. 23/2008 )
2. 
Il comma 7 dell'articolo 24 della l.r. 23/2008 è sostituito dal seguente: "
7.
I provvedimenti di organizzazione disciplinano le modalità per l'individuazione dei soggetti a cui conferire l'incarico.
".
Art. 45. 
(Inserimento dell'articolo 24 bis nellal.r. 23/2008 )
1. 
Dopo l' articolo 24 della l.r. 23/2008 è inserito il seguente: "
Art. 24 bis.
(Regolamentazione del rapporto di lavoro)
1.
Gli incarichi regionali conferiti a dirigenti regionali ai sensi dell'articolo 22 e gli incarichi di cui all'articolo 24, commi 1, 3 e 3 bis sono regolati dalle disposizione del contratto collettivo nazionale di lavoro, area separata dirigenza, del comparto.
".
Art. 46. 
(Modifiche all'articolo 25 della l.r. 23/2008 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 25 della l.r. 23/2008 le parole: "
e dei contratti di diritto privato
" sono soppresse.
Art. 47. 
(Modifiche all'articolo 33 della l.r. 23/2008 )
1. 
Il comma 1 dell'articolo 33 della l.r. 23/2008 è sostituito dal seguente: "
1.
Nell'ambito delle rispettive dotazioni organiche l'assegnazione del personale alle direzioni a seguito di riorganizzazione anche parziale delle strutture è effettuata dall'Ufficio di Presidenza del Consiglio e della Giunta regionale, tenuto conto degli obiettivi affidati ai direttori.
".
Art. 48. 
(Disposizioni transitorie in merito alla l.r. 23/2008 )
1. 
In fase di prima applicazione degli articoli 18, 19, 22, 24, 24 bis, 25 e 33 della l.r. 23/2008 , come modificati o inseriti dalla presente legge, la Giunta regionale e l'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, per le strutture di rispettiva competenza, fatta salva la possibilità di revoca dell'incarico ai sensi dell' articolo 25 della l.r. 23/2008 , conferiscono gli incarichi di cui agli articoli 22 e 24 della l.r. 23/2008 ai soggetti che, alla data di entrata in vigore della presente legge, ne sono già titolari e li attribuiscono fino alla data di scadenza individuata nei contratti di diritto privato già stipulati, assicurando lo stesso valore economico complessivo.
CAPO VII 
ULTERIORI DISPOSIZIONI
Art. 49. 
(Modifiche alla l.r. 48/1975 )
1. 
Il comma 1 dell'articolo 3 della legge regionale 4 settembre 1975 n. 48 (Costituzione del Consorzio per il trattamento automatico dell'informazione del Comitato provvisorio per la progettazione di un sistema integrato dell'informazione) è abrogato.
Art. 50. 
(Modifiche alla l.r. 58/1987 )
1. 
Dopo il comma 2 dell'articolo 13 della legge regionale 30 novembre 1987, n. 58 (Norme in materia di Polizia locale) è inserito il seguente: "
2 bis.
Il personale in servizio a tempo indeterminato da almeno due anni presso un Corpo o Servizio di Polizia locale piemontese come addetto di Polizia locale, alla data del 31 marzo 2018, che non ha frequentato il corso regionale di formazione di cui al comma 1 del presente articolo, è esentato dal dovervi partecipare.
".
Art. 51. 
(Abrogazione della l.r. 9/2001 )
1. 
La legge regionale 23 aprile 2001, n. 9 (Disposizioni in materia di riduzione dei prezzi dei carburanti per autotrazione in territori regionali di confine) è abrogata.
Art. 52. 
(Modifiche alla l.r. 5/2016 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 12 della legge regionale 23 marzo 2016, n. 5 (Norme di attuazione del divieto di ogni forma di discriminazione e della parità di trattamento nelle materie di competenza regionale), la parola: "
previo
" è sostituita dalla seguente: "
in
".
2. 
Alla lettera c) del comma 3 dell'articolo 13 della l.r. 5/2016 , la parola: "
previo
" è sostituita dalla seguente: "
in
".
Art. 53. 
(Modifiche alla l.r. 2/2018 )
1. 
Al comma 1 dell'articolo 1 della legge regionale 5 febbraio 2018, n. 2 (Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo), le parole: "
promuove e sostiene interventi e azioni di prevenzione, gestione e contrasto
" sono sostituite dalle seguenti: "
promuove e sostiene la prevenzione ed il contrasto
".
2. 
Al comma 3 dell'articolo 2 della l.r. 2/2018 , le parole: "
gli interventi necessari
" sono sostituite dalle seguenti: "
le azioni regionali utili
".
3. 
Alla lettera d) del comma 4 dell'articolo 2 della l.r. 2/2018 , le parole: "
nonché con il coinvolgimento delle forze dell'ordine
" sono soppresse.
4. 
Al comma 2 dell'articolo 9 della l.r. 2/2018 , le parole: "
, dalle aziende sanitarie regionali e da ogni altro soggetto coinvolto nell'attuazione della presente legge
" sono sostituite dalle seguenti: "
e dalle aziende sanitarie regionali
".
Art. 54. 
(Abrogazione di leggi regionali in materia di agricoltura)
1. 
Sono abrogate le seguenti disposizioni regionali:
a) 
legge regionale 3 aprile 1979, n. 16 (Norme provvisorie per l'esercizio, da parte della Regione Piemonte delle funzioni amministrative esercitate dalle Camere di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura del Piemonte in materia di agricoltura e foreste);
b) 
legge regionale 22 aprile 1980, n. 27 (Norme regionali per l'attuazione del regolamento del Consiglio delle Comunità Economiche Europee del 19-6-1978, n. 1360 e della legge 20-10-1978, n. 674 , riguardanti le Associazioni dei produttori agricoli e le relative Unioni);
c) 
legge regionale 28 ottobre 1986, n. 44 (Applicazione in Piemonte del regolamento delle Comunità Economiche Europee n. 797 del 12 marzo 1985 relativo al miglioramento dell'efficienza delle strutture agrarie);
d) 
legge regionale 14 agosto 1987, n. 40 (Interventi regionali straordinari per il consolidamento e lo sviluppo della cooperazione agricola di valorizzazione dei prodotti agricoli);
e) 
legge regionale 4 gennaio 1988, n. 1 (Concessione di contributo per l'immediato ripristino a seguito di gravi calamità atmosferiche di infrastrutture agricole);
f) 
legge regionale 8 agosto 1997, n. 49 (Abrogazione della legge regionale 12 maggio 1975, n. 27 'Istituzione dell'albo professionale degli imprenditori agricoli' e successive modifiche ed integrazioni);
g) 
legge regionale 3 settembre 2001, n. 23 (Interventi straordinari per fronteggiare l'emergenza nel settore zootecnico causata dall'encefalopatia spongiforme bovina -BSE- e modifica dell' articolo 5 della legge regionale 25 maggio 2001, n. 11 'Costituzione del consorzio obbligatorio per lo smaltimento o il recupero dei rifiuti di origine animale provenienti da allevamenti ed industrie alimentari');
h) 
legge regionale 26 giugno 2003, n. 11 (Modifiche della legge regionale 25 maggio 2001, n. 11 'Costituzione del consorzio obbligatorio per lo smaltimento o il recupero dei rifiuti di origine animale provenienti da allevamenti ed industrie alimentari');
i) 
articolo 34 della legge regionale 14 maggio 2004, n. 9 (Legge finanziaria per l'anno 2004);
l) 
articoli 11 e 12 della legge regionale 28 febbraio 2005, n. 4 (Disposizioni collegate alla legge finanziaria per l'anno 2005);
m) 
articolo 11 e comma 1 dell'articolo 14 della legge regionale 5 ottobre 2005, n. 14 (Assestamento al bilancio di previsione per l'anno finanziario 2005 e disposizioni finanziarie per l'anno 2006);
n) 
articolo 5 della legge regionale 30 dicembre 2008, n. 35 (Legge finanziaria per l'anno 2009);
o) 
articolo 3 della legge regionale 30 dicembre 2014, n. 24 (Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 19 e 14 luglio 2009, n. 20 ed abrogazione della legge regionale 25 maggio 2001, n. 11 ).
2. 
I procedimenti amministrativi attivati nella vigenza delle norme abrogate ai sensi del comma 1, sono conclusi secondo le rispettive normative di settore.

Allegato A 

(Art. 15)