Legge regionale n. 18 del 14 novembre 2014  ( Vigente )
"Rendiconto generale per l'esercizio finanziario 2013".
(B.U. 20 novembre 2014, n. 47)

Il Consiglio regionale ha approvato

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

promulga

la seguente legge:

Art. 1. 
(Approvazione del rendiconto)
1. 
Il Rendiconto generale della Regione per l'esercizio finanziario 2013 è approvato con le risultanze riportate nell'allegato A.
Art. 2. 
(Entrate e spese di competenza)
1. 
Le entrate tributarie, le entrate per quote di tributi statali, le entrate extra-tributarie, le entrate per alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali, le entrate per rimborsi di crediti ed accensione di prestiti e le entrate per contabilità speciali, accertate in conto competenza nell'esercizio finanziario 2013, sono definite nel Rendiconto in euro 14.155.895.951,04. Sono stati riscossi euro 13.360.789.874,62 e restano da riscuotere euro 795.106.076,42.
2. 
Le spese impegnate in conto competenza nell'esercizio finanziario 2013 ammontano a euro 13.887.495.282,44. I pagamenti effettuati sono pari ad euro 11.808.817.938,12 e restano da pagare euro 2.078.677.344,32.
Art. 3. 
(Residui attivi e residui passivi)
1. 
I residui attivi che, all'inizio dell'esercizio finanziario 2013, ammontavano a euro 4.435.350.603,81 sono stati ridefiniti nel corso dell'esercizio finanziario 2013 in euro 3.919.779.887,43 per effetto di riduzioni di euro 515.570.716,38. Le somme riscosse sono state pari ad euro 1.386.739.993,18 e quelle rimaste da riscuotere ammontano ad euro 2.533.039.894,25. I residui attivi alla chiusura dell'esercizio finanziario 2013 risultano stabiliti dal conto consuntivo nei seguenti importi:
a) 
somme rimaste da riscuotere sulle entrate della competenza propria dell'esercizio finanziario 2013 euro 795.106.076,42;
b) 
somme rimaste da riscuotere sulle entrate residue degli esercizi precedenti euro 2.533.039.894,25;
c) 
totale residui attivi euro 3.328.145.970,67.
2. 
I residui passivi che, all'inizio dell'esercizio finanziario 2013, ammontavano a euro 5.668.131.070,01 sono stati ridefiniti alla fine dell'esercizio finanziario 2013 in euro 4.635.686.403,92 per effetto di riduzioni per euro 1.032.444.666,09. Le somme pagate sono state pari ad euro 2.423.196.646,14 e quelle rimaste da pagare ammontano ad euro 2.212.489.757,78. I residui passivi alla chiusura dell'esercizio finanziario 2013 risultano stabiliti dal conto consuntivo nei seguenti importi:
a) 
somme rimaste da pagare sulle spese impegnate per la competenza propria dell'esercizio 2013 euro 2.078.677.344,32;
b) 
somme rimaste da pagare sui residui degli esercizi precedenti euro 2.212.489.757,78;
c) 
totale residui passivi euro 4.291.167.102,10.
Art. 4. 
(Situazione di cassa e situazione finanziaria)
1. 
Il fondo di cassa alla chiusura dell'esercizio finanziario 2013 è determinato in euro 598.037.823,71 come risulta dal conto presentato dal tesoriere regionale (allegato B) e così come approvato dalla Giunta regionale, nonché dal seguente prospetto:
a) 
fondo di cassa alla chiusura dell'esercizio finanziario 2012 euro 82.522.540,17;
b) 
riscossioni effettuate nell'esercizio finanziario 2013 euro 14.747.529.867,80;
c) 
pagamenti eseguiti nell'esercizio finanziario 2013 euro 14.232.014.584,26;
d) 
fondo di cassa finale dell'esercizio 2013 euro 598.037.823,71.
2. 
Alla chiusura dell'esercizio finanziario 2013 è accertato un disavanzo finanziario pari ad euro 364.983.307,72 come risulta dal seguente prospetto:
a) 
fondo di cassa alla chiusura dell'esercizio finanziario 2013 euro 598.037.823,71;
b) 
ammontare dei residui attivi euro 3.328.145.970,67;
c) 
ammontare dei residui passivi euro 4.291.167.102,10;
d) 
disavanzo finanziario euro 364.983.307,72.
Art. 5. 
(Disavanzo sostanziale di amministrazione)
1. 
In recepimento del giudizio di parificazione della Corte dei Conti - Sezione regionale di controllo per il Piemonte - si accertano, in aggiunta al disavanzo finanziario di cui al precedente articolo 4, comma 2, le seguenti passività, pari a euro 2.290.952.137,95, che concorrono a formare il disavanzo sostanziale di amministrazione per complessivi:
a) 
anticipazione straordinaria, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 14 aprile 2009, n. 39 -11230 (Operazione di provvista finanziaria nell'ambito della Sanità. Applicazione dell' art. 8 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 35 ), euro 282.145.000,00;
b) 
debiti latenti a fronte di perenzione di residui passivi euro 1.011.182.174,95;
c) 
fondo rischi per sentenza della Corte d'appello di Torino n. 465/10 del 12 dicembre 2012 euro 57.971.163,00;
d) 
fondo rischi iscrizione passività verso partecipate euro 10.000.000,00;
e) 
fondo rischi per debiti da reimpostare euro 100.000.000,00;
f) 
passività pregresse TPL euro 320.000.000,00;
g) 
allineamento con situazioni patrimoniali delle aziende sanitarie euro 509.653.800,00.
2. 
Il disavanzo sostanziale della Regione alla chiusura dell'esercizio 2013 è accertato per euro 2.655.935.445,67.
Art. 6. 
(Società e consorzi a partecipazione regionale)
1. 
Le società ed i consorzi a partecipazione regionale che hanno presentato i loro bilanci relativi all'esercizio 2013 alla Regione ai sensi dell' articolo 45, comma 6, della legge regionale 11 aprile 2001, n. 7 (Ordinamento contabile della Regione Piemonte) sono individuati nell'elenco di cui all'allegato C.
Art. 7. 
(Attività finanziaria e patrimoniale)
1. 
La consistenza delle attività finanziarie e patrimoniali alla chiusura dell'esercizio finanziario per l'anno 2013 risulta stabilita nel Rendiconto generale in allegato A per euro 5.256.715.752,48.
2. 
La consistenza delle passività finanziarie e patrimoniali alla chiusura dell'esercizio finanziario per l'anno 2013 risulta stabilita nel Rendiconto generale in allegato A per euro 15.120.946.647,27.
Art. 8. 
(Prospetti SIOPE - Note informative)
1. 
I prospetti delle entrate e uscite del Sistema Informativo sulle Operazioni degli Enti Pubblici (SIOPE) con valori cumulati nell'anno 2013 e relativa situazione delle disponibilità liquide sono individuati nell'elenco di cui all'allegato D.
2. 
La nota informativa relativa a oneri ed impegni finanziari derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari o da contratti di finanziamento che includono una componente derivata sono individuati nell'elenco di cui all'allegato E.
3. 
La nota informativa sui dati economico-finanziari relativi all'esercizio 2012 delle società e dei consorzi a partecipazione regionale di cui all'articolo 6 è riportata nell'allegato F.
Art. 9. 
(Trasparenza dei conti sanitari e finalizzazione delle risorse per il finanziamento del servizio sanitario regionale)
1. 
In applicazione di quanto disposto dall' articolo 20, comma 1, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42 ) e per le finalità ivi indicate, sono state perimetrate le entrate e le uscite relative al finanziamento del servizio sanitario regionale con le risultanze di cui all'allegato G relativo alla trasparenza dei conti sanitari ed alla finalizzazione delle risorse per il finanziamento del servizio sanitario regionale.
Art. 10. 
(Rendiconto generale per l'esercizio finanziario 2013 del Consiglio regionale)
1. 
È allegato alla presente legge, ai sensi dell' articolo 43, comma 5, della legge regionale n. 7/2001 , il Rendiconto generale per l'esercizio finanziario 2013 del Consiglio regionale approvato con deliberazione del Consiglio regionale 16 settembre 2014, n. 3 - 28464 (allegato H).

La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Piemonte.

Data a Torino, addì 14 novembre 2014
Sergio Chiamparino